La Villa

Viaggiate nel tempo, accompagnati dall'arte dei Tiepolo e dalla leggenda

Villa Valmarana ai Nani si compone di tre edifici situati in un grande parco d’epoca. La Palazzina (1669), la Foresteria e la Scuderia (1720) sono circondati da roseti, da un giardino all’italiana con la quinta scenica e il pozzo, da una carpinata.
La Palazzina e la Foresteria sono affrescate da Giambattista e Giandomenico Tiepolo, chiamati nel 1757 dal proprietario, Giustino Valmarana. La Villa prende il nome dalle statue dei 17 nani in pietra, un tempo disseminati nel giardino, ora disposti sul muro di cinta che circonda la proprietà. Ad essi è legata la suggestiva leggenda della principessa Layana. Si presume che il vero e proprio esecutore dei Nani sia Francesco Uliaco e l’ispiratore Giandomenico Tiepolo.
La famiglia Valmarana abita tuttora la Villa, che viene universalmente considerata il vertice espressivo della pittura del Settecento e la testimonianza più alta del genio dei Tiepolo.

La Storia e la Leggenda

transparency

La Villa fu fatta costruire nel 1669 dall’avvocato Giovanni Maria Bertolo, che la lasciò in eredità alla figlia Giulia monaca del monastero padovano di Ognissanti, da cui Giustino la acquistò nel 1715.
A lui si devono i lavori di ampliamento e il coinvolgimento di Francesco Muttoni che sviluppò gli ingressi, la scuderia e la trasformazione della Foresteria, orginariamente una barchessa.

More

La straordinarietà della Villa è data anche dalla doppia mano del padre e del figlio, di Giambattista e di Giandomenico. Il padre affresca - su incarico di Giustino Valmarana - soprattutto la Palazzina con temi dei libri preferiti dal committente; il figlio nella Foresteria dà libero corso alla sua fantasia, lasciando la Stanza degli dei dell’Olimpo, al pennello del padre.

More

Il giardino

La visita alla villa è un viaggio nel Settecento che permette di ammirare, oltre agli affreschi, i suoi magnifici spazi all’aperto.

More

Il Ritratto del Palladio

transparency

Sulla parete principale del salone centrale è appeso il più famoso ritratto di Andrea Palladio, che a suo tempo aveva costruito palazzi e ville per i Valmarana, attribuito al pittore Giovanbattista Maganza (circa 1513 – 1586). 
L’attribuzione non è certa, ma il ritratto - sempre rimasto in famiglia - è di fondamentale importanza per dare sembianze al più conosciuto architetto degli ultimi cinque secoli.
Il dipinto con la sua ammirabile cornice, è uno dei capisaldi della mostra “Il mistero del volto” (Palladio Museum, Vicenza, dicembre 2016/giugno 2017).

Nell’ottobre del 2014 il ritratto è stato rubato; ma grazie allo scrupoloso lavoro della Polizia di Stato da gennaio 2015, è possibile rivederlo sulle pareti della Foresteria.

La Famiglia

transparency

Antichissime sono  le origini dei Valmarana: le prime fonti scritte risalgono al 1174 in cui un membro della famiglia è citato come arcidiacono della Cattedrale di Vicenza mentre nel 1260 Bonazonta è considerato “homo molto amato dal popolo” e Bugarando uno dei più potenti tra gli ostili al tiranno Ezzelino da Romano. Intorno al 1300 la famiglia si divide in tre rami: la Villa ai Nani fu acquistata dal ramo di S. Faustino, a cui ancora appartiene.

More

transparency

Vite intrecciate con la Villa

Villa Valmarana ai Nani ha costituito, nei secoli, un polo di grande attrazione, per letterati, studiosi e  artisti.

E non solo: nell'ultimo secolo i grandi casati di tutta Europa hanno voluto ammirare l'opera dei due Tiepolo in visite ufficiali.